20 ANNI DI STORIA

Una lettera aperta a tutte le società sportive dell’allora XIII Circoscrizione. A scriverla, il 25 maggio 1992, Orlando Galimberti, ex atleta e dirigente dell’Ostia Volley Club. In essa un triplice proposito:

  1. creare rappresentanti della realtà sportiva del territorio capaci di essere riferimento nei confronti delle Istituzioni;
  2. valorizzare attraverso manifestazioni ed eventi l’attività sportiva locale;
  3. studiare la fattibilità di un impianto polivalente da mettere a disposizione delle società.

E’ in quella lettera che può individuarsi l’origine di quelli che possono a ragione essere definiti due grandi patrimoni di Ostia e del XIII Municipio: la Festa dello Sport ed il Parco del Canale dello Stagno. Il 4 aprile 1993, proprio in seguito a quella lettera, si svolge la prima edizione della Festa dello Sport. Vi partecipano un centinaio di atleti, applauditi da un migliaio di persone, in una giornata che, oltre a qualche dimostrazione sportiva, vede soprattutto la premiazione delle società partecipanti.

E così, sull’onda dell’entusiasmo dell’evento, un gruppo di persone legate allo sport di Ostia decide, subito dopo la 1^ Festa dello Sport, di costituire il Comitato Insieme per lo Sport, deputato negli anni a venire non soltanto all’organizzazione della Festa ma anche all’allestimento di eventi quali convegni, seminari e manifestazioni promozionali all’aperto. Molti di loro sono ancora in prima linea nell’attività del Comitato Insieme per lo Sport, alcuni hanno lasciato lo sport, altri ancora, purtroppo, non sono più tra noi. 

Essi rappresentavano, con la passione, con il pionierismo o con cariche dirigenziali, le forme più varie dello sport del territorio: dalle classiche come basket, rugby, scherma, pentatlon, volley, tennis, ciclismo e boxe, a quelle tipiche del nostro territorio legate a mare e pineta (atletica,nuoto e vela, triathlon) fino a discipline nuove (tennistavolo) o coreografiche (ballo e aquiloni, pattinaggio artistico) e sport per disabili. Ma oggi, a venti anni di distanza, essi vanno ricordati, tutti ed indistintamente, con grande ammirazione ed orgoglio:

SOCI FONDATORI COMITATO INSIEME PER LO SPORT    

Antonio Angelini, Mira Bellei, Roberto Bonifazi, Carlo Cecati, Pietro Colantonio, Carmine Coletta, Romolo Considera, Franco Di Bello, Francesco D’Angelo, Leo Di Lelio, Luciano Flori, Orlando Galimberti, Sergio Giovannoli, Enrico Grisoli, Sandro Leoni, Antonio Lotti, Franco Lucarelli, Milvia Mancinelli, Giovanni Marziali, Bruno Matarazzo, Andrea Monai, Remo Nardini, Franco Pavone, Claudio Ramoni, Uber Sala, Nicola Sferragatta, Maria Cristina Valeri e Enzo Zuanella. 

Persone e società che hanno idealmente posto la prima pietra ad un evento, la Festa dello Sport, appunto, che ora, a venti anni di distanza, è sempre più patrimonio della città e del territorio.

Realizzati un organo rappresentativo come il Comitato Insieme per lo Sport ed un evento di spessore come la Festa, rimaneva da concretizzare il terzo proposito: un centro sportivo “aperto” che permettesse alle società prive di un proprio impianto di avere a disposizione una struttura adeguata. E proprio dal Comitato Insieme per lo Sport partì l’idea di quello che poi sarebbe stato il Parco del Canale dello Stagno, da sempre definito un sogno diventato realtà.

Grazie al bando per i Punti Verde Qualità del Comune di Roma, da realizzare con il project financing, una costola del Comitato individuò un’area da riqualificare su cui poter costruire anche un impianto polivalente. Fu costituita così l’Associazione Insieme per lo Sport. A fondarla 24 persone, tra le quali molti dei soci fondatori del Comitato, che oggi più che mai vanno menzionate:

SOCI FONDATORI PARCO DEL CANALE DELLO STAGNO  

Antonio Angelini, Salvatore Barbesco, Marco Brandi, Carlo Consiglio, Flavio Coppola, Francesco D’Angelo, Franco Di Bello, Leo Di Lelio, Giuliano Fausti, Dario Fiorentino, Luciano Flori, Orlando Galimberti, Paolo Ghinassi, Sandro Leoni, Franco Lucarelli, Andrea Monai, Valter Pinzuti, Claudio Ramoni, Loretta Ramoni, Carlo Rossetti, Uber Sala, Antonio Sistelli, Paolo Spiga e Marco Spinucci. 

Il cui motto era:

“L’utopia è il contrario laico della provvidenza l’immaginazione è la provvidenza dei laici ”

Giulio Carlo Argan

 

I soci fondatori dell’’AIS, costiturono in Polisportiva Insieme per lo Sport srl e la Insieme per lo Sport spa che divennero l’Ente Concessionario e gestore del Punto Verde situato nel tratto ricompreso fra il Canale dei Pescatori, via Mar dei Coralli e via Mar dei Sargassi. Dapprima la consegna dell’area; poi la bonifica e la recinzione; l’11 novembre del 2000 la posa della prima pietra e l’inizio dei lavori veri e propri. Il Parco del Canale dello Stagno ha visto gradualmente la riqualificazione dell’area verde e la sua trasformazione in parco giochi pubblico.

E questo è stato possibile anche grazie all’azionariato popolare ed all’apporto fondamentale di alcuni imprenditori ostiensi, considerati a pieno titolo quali

SOCI CO-FONDATORI PARCO DEL CANALE DELLO STAGNO

Claudio Atzori, Ettore Baldi, Francesco Buffoni, Carlo Cerrato, Corrado Cozzi, Marcello Fabiani, Barbara Fedeli, Cristiana Fedeli, Francesca Fedeli, Claudio Grieco, Pietro Milli, Edoardo Moscara, Alessandro Pangia, Tatiana Pangia, Fabio Petrini, Franco Petrini, Paolo Petrini, Stefano Petrini, Albert Van Engelenhoven, Paola Van En 

Parallelamente sono andati avanti i lavori relativi alle infrastrutture. E tra di esse il PalaDiFiore, un funzionale impianto polivalente che rappresentava uno dei tre propositi contenuti nella lettera del 25 maggio 1992, e che sta offrendo alle società del territorio un riferimento importante per le attività agonistiche e amatoriali…..

Una storia lunga venti anni, quindi. Venti anni vissuti…Insieme per lo Sport ma soprattutto per Ostia. Per merito di quei “pionieri dell’era moderna” che nel 1993 dettero vita al Comitato, infatti, il nostro quartiere oggi può con orgoglio vantare queste due grandi risorse: la Festa dello Sport ed il Parco del Canale dello Stagno. A loro, in questo ventennale della Festa, va il grazie di tutto il XIII Muncipio.